Bonalux s.r.l.

PURIFICAZIONE DELL’ACQUA

La purificazione dell’acqua è una procedura per rimuovere certe sostanze chimiche ed altri elementi indesiderati dall’acqua. L’obiettivo è produrre l’acqua giusta per raggiungere uno scopo specifico. La maggior parte dell’acqua potabile è disinfettata e buona per la consumazione, però il processo della purificazione dell’acqua può essere usato  anche per numerosi scopi diversi come per l’applicazione medica, farmacologica, chimica ed industriale. Filtrazione, sedimentazione, e distillazione – come tante altre procedure complesse – sono tutti processi che di solito vengono fatti con questa trasformazione.

La purificazione dell’acqua può ridurre la concentrazione del particolato, incluse particelle sospese, parassiti, batteri, alghe, virus e funghi, come può anche ridurre la quantità dei materiali sciolti e particolati provenienti dalle superfici atte a raccogliere l’acqua piovana.

Diversi governi e diverse organizzazioni aiutano ad impostare i limiti e le regolazioni riguardanti gli standard dell’acqua potabile. Questi standard di solito mantengono requisiti specifici riguardo la concentrazione dei contaminanti, in dipendenza dall’uso dell’acqua.

La qualità dell’acqua non può essere basata su una ispezione visuale. Le procedure di base come far bollire l’acqua o utilizzare filtri a carbone per l’uso domestico non sono sufficienti per far sparire tutti possibili contaminanti che possono essere presenti nell’acqua. Anche l’acqua delle sorgenti naturali deve essere controllata prima di definire che tipo di trattamento e che tipo di contaminanti può avere. Praticamente, l’unico modo per determinare il metodo più efficace di purificazione è l’analisi chimica e microbiologica.

La riduzione della morte causata dalle malattie legate ai problemi di qualità dell’acqua è il maggiore fuoco legato alla salute pubblica nei Paesi in via sviluppo. Più di un miliardo di persone non ha accesso all’acqua pulita e potabile, e ottantotto percento dei quattro miliardi di casi di malattie intestinali sono legati alla presenza di acqua insalubre e a condizioni igieniche e sanitarie precarie, secondo al report di 2007 di WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità), mentre quasi due milioni di persone muoiono a causa alle malattie intestinali ogni anno. La WHO stima che novantaquattro percento di questi casi delle malattie intestinali sono preventivanili con uno sviluppo corretto dell’ambiente, incluso l’accesso all’acqua potabile. I metodi semplici per il trattamento dell’acqua a casa, come la clorurazione, i filtri, la disinfezione solare e la conservazione in contenitori sicuri potrebbero salvare una quantità enorme di vite ogni anno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: